Posts

Abuso edilizio in centro storico: non sempre c’è la demolizione

Abuso edilizio in centro storico: non sempre c’è la demolizione

È illegittimo il provvedimento con il quale si ingiunge la demolizione di opere di ristrutturazione edilizia realizzate in zona «A» in assenza di permesso di costruire o in totale difformità senza alcuna motivazione in ordine alle ragioni della scelta della sanzione demolitoria rispetto a quella pecuniaria . È questo il principio innovativo affermato dal Consiglio di Stato con la Sentenza n. 1084 del 10/03/2014 . Fino ad oggi la «riduzione in pristino», vale a dire la demolizione dell’abuso, è stata considerata come il normale strumento per «riportare lo stato di fatto a quanto previsto per lo sviluppo edilizio del territorio», tanto più che gli interventi nei centri storici (zone «A» dei piani urbanistici), sono soggetti al severo parere della Soprintendenza. Nel caso in esame il preesistente edificio (ristorante) era stato modificato con l’apertura di tre bocche di lupo disposte sul piano di calpestio della piazza ottenute mediante scavo della stessa, la realizzazione di una scala a tre rampe tra piano interrato e piano terra, in luogo dell’unica preesistente, la realizzazione di una nuova finestra su strada, nonché con la realizzazione di un tratto di canna fumaria in rame e di una tenda). Invece della riduzione in pristino il Consiglio […]

Condominio: lecita l’apertura di finestre sul muro perimetrale

Condominio: lecita l'apertura di finestre sul muro perimetrale

È possibile l’apertura di finestre su area di proprietà comune e indivisa, ma non bisogna pregiudicare la stabilità e il decoro architettonico dell’edificio e, inoltre, non bisogna impedire l’esercizio concorrente di analoghi diritti degli altri condomini . A stabilirlo la Corte di Cassazione con la Sentenza del 03/01/2014, n. 53 . La norma che consente questo genere d’intervento è l’art. 1102 Cod. civ. « Uso della cosa comune – Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa.». Come è opinione diffusa in dottrina e nella stessa giurisprudenza della Suprema Corte, ai sensi dell’art. 1102 Cod. civ., gli interventi sul muro comune, come l’apertura di una finestra o di vedute, l’ingrandimento o lo spostamento di vedute preesistenti, la trasformazione di finestre in balconi, sono legittimi dato che tali opere, non incidono sulla destinazione del muro, bene comune ai sensi dell’art. 1117 Cod. civ., e sono l’espressione del legittimo uso delle parti comuni . Tuttavia, nell’esercizio di tale uso, vanno rispettati i limiti contenuti nell’articolo […]

Progettazione di case in legno X-Lam – Corso eLearning

– Il Corso tratta lo studio degli argomenti salienti riguardanti la progettazione di case ed edifici realizzati con pannelli in legno x-lam (modellazione, caratterizzazione dei materiali, metodi di analisi, criteri di verifica agli Stati Limite, efficienza energetica). In particolare, la prima parte del corso è dedicata alle caratteristiche dei materiali, alle principali tipologie costruttive, alle azioni ed alle analisi prescritte dalla normativa sulle strutture in legno x-lam. La seconda parte tratta la modellazione, le verifiche agli SLU e agli SLE, le particolari prescrizioni e gli accorgimenti progettuali per una loro corretta progettazione antisismica. La parte finale è dedicata alla durabilità, alla resistenza al fuoco, ad un corretto approccio progettuale in funzione della massima efficienza energetica e di un adeguato comfort interno. Obiettivi professionali Imparare a progettare e verificare le strutture di case in legno x-lam secondo le Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni e secondo le normative nazionali sull’efficienza energetica. Il Corso ha lo scopo di fornire informazioni utili per inquadrare, dal punto di vista sia normativo sia tecnico, il percorso progettuale e realizzativo delle case in legno x-lam, alla luce delle vigenti norme di calcolo emanate con il D.M. 14 gennaio 2008 e delle norme nazionali sull’efficienza energetica […]

Ecobonus: detrazione fiscale 65% anche su ampliamenti

Chiarimenti ENEA sulla detrazione fiscale 65% per interventi di riqualificazione energetica di immobili, fruibile anche in caso di demolizione e ricostruzione dell’edificio modificandone la sagoma con ampliamenti. La detrazione fiscale del 65% per interventi di riqualificazione energetica ( EcoBonus ) può essere applicata anche alle demolizioni e ricostruzioni finalizzate all’efficientamento energetico degli edifici che comportino una modifica della loro sagoma , purchè non venga superata la volumetria preesistente . Fanno eccezione gli immobili vincolati ai sensi del D.lgs 42/2004 – Codice dei beni culturali e del paesaggio e i centri storici, per i quali l’applicazione del bonus rimane a discrezione dei Comuni. A chiarirlo è l’ENEA, con la nuova FAQ n. 68 bis . => Guida al Bonus Ristrutturazioni: nuove regole 2014 La nuova normativa Il Decreto Fare (DL 69/2013, convertito nella Legge 98/2013 entrata in vigore il 21 agosto 2013) ha eliminato il vincolo della sagoma, rivedendo il concetto di ristrutturazione edilizia contenuto nel Dpr 380/2001. Si può usufruire della detrazione fiscale prevista dal Bonus Energia ( detrazione fiscale IRPEF 65% ) anche per interventi di demolizione e ricostruzione di un edificio con stessa volumetria ma sagoma diversa: inoltre, in questo caso non è necessario richiedere il permesso di […]

IVA agevolata in edilizia al 4% e al 10%, la guida completa

IVA agevolata in edilizia: quali interventi al 22% e quali interventi al 10% Torniamo ad occuparci di IVA agevolata in edilizia, un nostro cavallo di battaglia protagonista della visitatissima Pagina speciale dedicata sul sito . Riprendiamo l’argomento in occasione dell’uscita dell’edizione 2014 del volume L’IVA in edilizia 2014 realizzata da Giorgio Confente e ormai giunto alla decima edizione.   In questo post proviamo a spiegare la differenza tra lavori edilizi, così come definiti dal Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001), e categorie edilizie ai fini IVA. Secondo il Testo Unico dell’Edilizia sono 5 le categorie in cui si dividono i lavori edili : 1. lavori di manutenzione ordinaria, definiti all’art. 3, lett. a) del DPR 380/2001; 2. lavori di manutenzione straordinaria, definiti all’art. 3, lett. b) del DPR 380/2001; 3. lavori di recupero e restauro conservativo, definiti all’art. 3, lett. c) del DPR 380/2001; 4. lavori di ristrutturazione edilizia, definiti all’art. 3, lett. d) del DPR 380/2001; 5. lavori di ristrutturazione urbanistica, definiti all’art. 3, lett. e) del DPR 380/2001; Il Testo Unico dell’Edilizia fornisce delle definizioni che, in quanto tali, non riescono ad abbracciare la totalità dei lavori edilizi. Per definire con maggiore chiarezza quale lavoro può essere considerata […]

Detrazione fiscale con Bonus Energia al 65%: online le domande

Sul sito ENEA è attiva la sezione per inviare la documentazione necessaria a fruire della detrazione fiscale del 65% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici, relativa all’anno fiscale in corso. È attiva la sezione del sito web ENEA per la trasmissione dei documenti che attestano gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici realizzati dal 1° gennaio 2014 per i quali si intende fruire della detrazione fiscale del 65% , ovvero del cosiddetto Bonus Energia . Per il momento rimane attivo anche il sito relativo all’anno fiscale 2013, come previsto dalla normativa vigente per consentire ai beneficiari l’invio delle ultime pratiche e di eventuali modifiche a quanto già trasmesso. => Ecobonus ristrutturazioni: la Guida dalle Entrate Bonus Energia Ricordiamo che la detrazione IRPEF del 65% per i lavori di efficientamento degli edifici è stata prorogata fino al 31 dicembre 2014 dalla Legge di Stabilità ( Legge 147/2013 ), per fruire della detassazione: al per spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014; al per spese che saranno effettuate nel 2015; al 36% le spese sostenute dal 2016 (la stessa prevista per le ristrutturazioni edilizie). => Ecobonus, Ristrutturazioni, Mobili: le detrazioni 2014 Per gli interventi di riqualificazione energetica […]

L’efficienza energetica passa anche dagli edifici storici

Italia , culla di arte e cultura che ospita il 60% dei beni culturali di tutto il mondo . Edifici storici, case, ville ma anche parchi e giardini, pubblici e privati. Un patrimonio inestimabile, spesso trascurato, che deve essere naturalmente conservato al meglio attraverso la valorizzazione e la conservazione. Ma non solo. L’efficientamento energetico e quindi l’uso di nuove tecnologie e nuove forme abitative, è un’altra delle parole d’ordine a cui questo immenso patrimonio dovrà rispondere nel prossimo futuro. E come coniugare la “sostenibilità” con la “conservazione” è uno dei temi che venerdì scorso a Roma, nel corso del convegno organizzato da A.D.S.I Lazio (Associazione Dimore Storiche Italiane), in collaborazione con il dipartimento di architettura del MAXXI, hanno affrontato amministratori pubblici, proprietari di dimore storiche, architetti, ingegneri e tecnici del settore energetico. Un’incontro per discutere e confrontarsi su quali saranno le ricadute positive in termini di risparmio energetico, quali le aspettative degli addetti ai lavori sulle recenti normative in materia di efficienza energetica e quali le prospettive offerte dalle nuove tecnologie e dalle nuove soluzioni abitative. L’analisi di casi studio nazionali e internazionali e il confronto con rappresentati del Ministero dei Beni e Attività Culturali su le “Linee Guida […]

Cercare casa a Vicenza e provincia: 5 regole d’oro

Nello scorso articolo abbiamo presentato i contenuti che metteremo a disposizione di tutti quelli che, giovani o meno giovani, si apprestano a cercare casa a Vicenza e provincia. Oggi iniziamo subito e scopriamo quali sono le 5 regole d’oro per chi si mette a  cercare casa a Vicenza e provincia.

Cercare casa a Vicenza e provincia in 5 passi: cosa fare, come fare, quanto spendere

Eccoci allora al vademecum che i professionisti di AArchitettura.it, Gio, Ezio e Pierluca hanno steso per voi che avete deciso di fare un passo importante ed ora, cercate casa disperatamente.

1. Fissare il budget


Fissa il tuo budget
Il primo passo da fare quando cercate casa è fissare un budget ragionevole e congruente con le vostre entrate. Rispettarlo sarà il vostro mantra e per farlo dovrete guardarvi intorno. Dovrete avere ben presente fino a che punto potete avventurarvi con fondi propri, si tratti di dare in permuta un immobile già in vostro possesso oppure di sfruttare eventuali rendite da canoni di affitto. In seconda istanza andrà valutata l’opzione di aprire un mutuo, scelta per nulla semplice né immediata.

Nel vostro budget non dimenticate di prevedere, oltre alle spese dell’eventuale acquisto, quelle per consulenze, per l’atto notarile e l’eventuale mutuo ipotecario. Molto spesso se non si mettono dei paletti e ci si lascia affascinare da proposte e sogni allettanti, ma spesso al di là delle nostre reali possibilità, si rischia di intraprendere un’avventura che può ben presto diventare disavventura.

2. Spazi accessori, si grazie

Quando vi getterete alla ricerca del vostro nido o rifugio che dir si voglia, cercate un’abitazione dotate di sufficienti spazi accessori: ripostiglio, disbrigo, lavanderia, cantina, senza dimenticare l’irrinunciabile – almeno per alcuni – posto auto coperto. Infine, perché non puntare su di una casa dotata anche di uno spazio esterno vivibile? Magari per gustarsi al meglio le mezze stagioni, oppure per farvi venire la voglia di un po’ di giardinaggio o di orticoltura (con un occhio al budget, sia chiaro!)?

3. Cerco casa, ma che casa?

Cerco casa, quale casa?Cercare casa a Vicenza e provincia, ma anche in ogni altra parte d’Italia, vuol dire anche cercare di avere le idee chiare sul target di immobile che si cerca o delle esigenze primarie che si vogliono soddisfare. Mini, bicamere, tricamere, schiera, centro storico, centro abitato, periferia, grande condominio, piccola realtà, dotazioni di servizi (viabilità, scuole, negozi, vicinanza al lavoro, ad aree con servizi collettivi, al centro storico). Senza questo approccio si rischia di perdere molto tempo e di rimanere frastornati dalle mille proposte che i venditori ci sottopongono.

Date quindi il giusto peso alla tipologia di immobile che volete acquistare rispetto al prezzo. Magari non avrà tutte, ma proprio tutte, le caratteristiche di cui siete alla ricerca, ma vedrete che con le giuste scelte si avvicinerà sempre più alla casa dei vostri sogni.

4. Dove vai se il tecnico non ce l’hai?

Anche se potrà sembrare uno spreco perché si pensa ad una figura aggiuntiva al rapporto di intermediazione, è buona cosa affidarsi ad un tecnico/consulente esterno alla trattativa. Potrà costare qualche soldo ma vi accorgerete con il tempo come siano stati soldi ben spesi. Un buon tecnico, geometra, architetto, ingegnere, è infatti in grado di chiarirvi molti dei dubbi che avete, di aiutarvi e spiegarvi le caratteristiche tecniche dell’immobile, i suoi limiti ed i suoi pregi, di guidarvi nel labirinto delle normative fiscali e delle procedure di acquisto, di mettere in equilibrio l’offerta dell’impresa o agenzia con la vostra domanda. Tutte cose che AArchitettura, insomma, con il suo pool di esperti svolge da anni. Se volete approfondire chiedete una consulenza gratuita cliccando qui.

5. Vada retro frenesia

 

No alla frenesia

Cercare casa implica anche non avere fretta. Allo stesso tempo non cedete a vedere un numero eccessivo di offerte. Selezionate le prime 3-4 tipologie che più vi piacciono, poi decidere su queste.

Per ora è tutto, ma solo per ora. Abbiamo fissato le prime basi per cercare casa a Vicenza e provincia e, magari, non più così disperatamente. Nella prossima puntata parleremo di mercato immobiliare e soprattutto di costi, perché oggi – si sa – anche l’occhio… al portafoglio… vuole la sua parte. Nel frattempo se vuoi conoscere quali argomenti affronteremo in questa serie di post ti suggeriamo di leggere anche “Cercare casa a Vicenza e provincia: consigli, idee, suggerimenti“.

A presto, come sempre su www.aarchitettura.it.