Posts

Costo di un fabbricato residenziale: Indici Istat mese di gennaio 2014

– Nel mese di gennaio 2014 l’indice provvisorio del costo di costruzione di un fabbricato residenziale si attesta a 105,7 con una piccola diminuzione dello 0,2 % rispetto a quello del mese precedente e una diminuzione dello 0,2 % rispetto al mese di gennaio 2013. I contributi maggiori alla diminuzione tendenziale dell’indice derivano dal gruppo di costo della Costo dei materiali (-0,3 punti percentuali), compensata dall’aumento della mano d’opera (+0,1 punti percentuali). Nel mese di gennaio 2014, rispetto al mese precedente, gli indici per gruppo di costo rimangono invariati per la mano d’opera , i noli e per i trasporti . Rispetto al corrispondente mese del 2013, il costo dei materiali diminuisce dello 0,5 %,. All’interno dei Materiali, gli aumenti congiunturali più rilevanti riguardano le categorie Rivestimenti, pavimenti e pitture (+ 2,0 %), e Inerti (+ 0,5 %). In termini tendenziali, gli incrementi maggiori si registrano per Rivestimenti, pavimenti e pitture (+ 2,7 %), Laterizi e prodotti in calcestruzzo (+ 1,7 %), e impermeabilizzazione, isolamento termico (+ 1,5%), Leganti (+ 0,7 %) e Pietre naturali e marmi (+ 0,6 %), mentre le diminuzioni più marcate si registrano per gli i metalli (- 1,9 %), i legnami e impianti di […]

Lavoro intermittente illecito nei Call Center

Il Ministero del Lavoro risponde all’interpello sulla possibilità di utilizzare contratti di lavoro intermittente per attività di Call Center in bound e/o out bound. I contratti di lavoro intermittente non possono essere avviati per lo svolgimento di attività di Call Center in bound e/o out bound. A chiarire la non validità di stipule di questa natura è stato il Ministero del Lavoro, rispondendo all’ interpello n. 10/2014 presentato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro per sapere se fosse possibile utilizzare la tipologia contrattuale del lavoro a chiamata in relazione al personale addetto alle attività di Call Center in bound e/o out bound, operando un rinvio alle figure degli “ addetti ai centralini telefonici privati ” contemplate al n. 12 della tabella allegata al R.D. n. 2657/1923. Secondo il parere espresso dal Ministero, le figure richiamate nell’interpello non sono equiparabili a quelle indicate nella tabella, avendo l’attività degli “addetti ai centralini telefonici privati” una sua specifica connotazione, che consiste esclusivamente nello smistamento delle telefonate a differenza della prestazione svolta dagli operatori di Call Center che si presenta ben più articolata.Di conseguenza, per queste figure non si possono applicare le regole contrattuali riservate a lavoratori a chiamata come quelli […]

Salone del Risparmio, un ponte per il futuro

Ha aperto i battenti presso l’Università Bocconi di Milano il Salone del Risparmio , l’evento finanziario di riferimento in Italia interamente dedicato alla gestione del risparmio , ideato da Assogestioni e in programma fino al 28 marzo. L’obiettivo è di offrire uno spaccato ed un’analisi degli scenari e delle prospettive dei mercati e dei cambiamenti in atto nel settore finanziario. La manifestazione, il cui ingresso è gratuito, si rivolge a tutti gli operatori dell’industria – SGR, SIM, banche, società di investimento estere, reti di distribuzione, investitori istituzionali e promotori finanziari – agli investitori privati, alle famiglie e agli studenti, ma anche ai rappresentanti delle istituzioni e del mondo accademico. => Risparmio Gestito: novità e trend Oltre 13.000 gli iscritti, 153 i marchi partecipanti per oltre 100 ore di conferenze: sono i numeri del Salone del Risparmio 2014 , ormai giunto alla sua quinta edizione, che quest’anno ha come tema “ Investire nel lungo termine. Risparmio gestito, un ponte per il futuro ”. Dunque l’evento si snoda su una serie di dibattiti e approfondimenti volti ad individuare qualità del risparmio, previdenza, educazione finanziaria (con quiz riservati ai giovani che mettono in palio premi tecnologici) e pianificazione consapevole. Argomenti cruciali e […]

Architetti e sindacati edili firmano l’accordo per l’edilizia sostenibile

Promozione della cultura del progetto sostenibile e dell’efficienza energetica 26/03/2014 – Gli architetti italiani  – con l’Ordine di Roma e il Consiglio Nazionale – e le organizzazioni sindacali Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil hanno firmato oggi a Roma il Protocollo d’Intesa sulla promozione della cultura del progetto sostenibile e dell’ efficienza energetica , per la valorizzazione delle professioni e dei lavori green.   Il Protocollo prevede, inoltre, la realizzazione di progetti di formazione e di divulgazione dei criteri di efficienza e contenimento energetico per il patrimonio edilizio pubblico e privato e per la riqualificazione, la rigenerazione, la valorizzazione e l’ efficientamento energetico delle trasformazioni urbane e  la riqualificazione statica e strutturale del patrimonio edilizio esistente.   Progettisti e sindacati edili sottolineano che “ riaprire i cantieri della riqualificazione del patrimonio edilizio e delle città è  la strada prioritaria per tornare a creare lavoro, agganciare la ripresa e dare risposta ai problemi delle famiglie, sfruttando le opportunità dalle risorse previste dalla programmazione europea 2014-2020 proprio per l’efficienza energetica e le aree urbane.”   Investire nella rigenerazione urbana sostenibile e nelle città – che da oltre venti anni sono  state private di interventi di valorizzazione rappresenta per  Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil “una opportunità di […]

Enea presenta CERtuS: edifici a energia quasi zero nel Sud-Europa

  È “ CERtuS – Cost Efficient Options and Financing Mechanisms for nearly Zero Energy Renovation of existing Buildings Stock”, il programma promosso e coordinato dall’ENEA, che è stato presentato nel corso di un meeting internazionale organizzato presso l’ENEA, al quale hanno preso parte anche istituti bancari ed associazioni di ESCOs. In particolare, il progetto CERtuS intende sviluppare, attraverso il supporto tecnico e finanziario alle amministrazioni locali , un piano di recupero del patrimonio edilizio e architettonico di edifici pubblici comunali.   CERtuS è indirizzato ai Paesi dell’Europa meridionale che, a causa della crisi finanziaria in corso, affrontano maggiori difficoltà nell’investire in operazioni di risparmio energetico su larga scala che richiedono elevati capitali. Messina (Italia), Alimos (Grecia), Coimbra (Portogallo) ed Errenteria (Spagna) sono i quattro Comuni-pilota selezionati, in quanto rappresentativi per dimensione, popolazione e patrimonio edilizio dell’area mediterranea.    Questi Comuni sperimenteranno, grazie alla collaborazione di personale tecnico-scientifico e di operatori economici, l’applicazione di nuove modalità di finanziamento per raggiungere livelli di consumo energetico quasi zero negli edifici, una volta  riqualificati, migliorando nello stesso tempo il livello di comfort di chi ci abita.   CERtuS prende in considerazione anche gli edifici pubblici che hanno un valore storico , anche se […]

Edilportale Tour ieri a Napoli per immaginare la casa del futuro

  Come si può pensare ad un mondo diverso se non pensiamo ad una strada fatta di nuovi stili di vita ? È questo il momento per ricostruire e decarbonizzare la nostra società. Dobbiamo cambiare atteggiamento perchè la torta geopolitica degli ultimi anni sta cambiando.   In questo scenario, un ruolo cruciale spetta al progettista, il quale può e deve anticipare le norme, può e deve progettare pensando alla casa del futuro a zero emissioni di CO2, zero consumi e a zero rifiuti.  Scarica gli atti del convegno   Una strada possibile esiste ed è quella fornita dall’ Active House Alliance , che ha realizzato un protocollo libero per valutare e realizzare edifici che permettono una vita sana e confortevole a chi li abita, senza impattare in modo negativo sul clima.   Esempi di Active House sono stati brillantemente illustrati da Marco Imperadori , del Politecnico di Milano, e da Erika Galdi ( Velux ) con VELUX Lab e Model Home 2020. Altro esempio in clima caldo è il Progetto Botticelli descritto da Walter Ottimo di Rockwool .   Queste esperienze mostrano quanto “la prima efficienza energetica è data dalla forma e dall’orientamento dell’edificio” ha detto Giorgio Nobile di Schüco […]

Smart Basic: low budget e high quality hotels

26/03/2014 – Nello scenario socio-culturale contemporaneo si fa strada il ritorno a una semplicità ‘intelligente’ che rappresenta per le persone il desiderio di continuare a fare le stesse cose di sempre (vita e consumi) ma con meno risorse a disposizione. Trasversalmente ai diversi settori del consumo assistiamo all’affermarsi di una gamma di prodotti e servizi buoni e innovativi quanto basta, mirati a desideri base, dal buon rapporto qualità-prezzo e che prediligono la convenienza e la sostanza all’eccellenza. Nell’ambito travel&leisure questo modello emergente sta ridefinendo gli standard dell’accoglienza alberghiera e si traduce nella nascita di nuove formule low cost che coniugano abilmente accessibilità e comfort, senza rinunce in termini di estetica e qualità della progettazione degli spazi. A Londra – nell’emergente e multiculturale quartiere di Whitechapel – ha aperto da qualche mese i battenti l’ultimo nato della catena QBic . Il concept innovativo di questi hotel è caratterizzato dalla particolare struttura modulare delle stanze, denominate appunto Cubis: di fatto un modulo componibile e ergonomico che integra zona letto, postazione tv e cabina bagno in un unico volume, adattabile a ogni tipologia planimetrica. Le aree comuni – realizzate dallo studio Blacksheep – traggono ispirazione dai codici estetici della domesticità per sottolineare […]

L’efficienza energetica passa anche dagli edifici storici

Italia , culla di arte e cultura che ospita il 60% dei beni culturali di tutto il mondo . Edifici storici, case, ville ma anche parchi e giardini, pubblici e privati. Un patrimonio inestimabile, spesso trascurato, che deve essere naturalmente conservato al meglio attraverso la valorizzazione e la conservazione. Ma non solo. L’efficientamento energetico e quindi l’uso di nuove tecnologie e nuove forme abitative, è un’altra delle parole d’ordine a cui questo immenso patrimonio dovrà rispondere nel prossimo futuro. E come coniugare la “sostenibilità” con la “conservazione” è uno dei temi che venerdì scorso a Roma, nel corso del convegno organizzato da A.D.S.I Lazio (Associazione Dimore Storiche Italiane), in collaborazione con il dipartimento di architettura del MAXXI, hanno affrontato amministratori pubblici, proprietari di dimore storiche, architetti, ingegneri e tecnici del settore energetico. Un’incontro per discutere e confrontarsi su quali saranno le ricadute positive in termini di risparmio energetico, quali le aspettative degli addetti ai lavori sulle recenti normative in materia di efficienza energetica e quali le prospettive offerte dalle nuove tecnologie e dalle nuove soluzioni abitative. L’analisi di casi studio nazionali e internazionali e il confronto con rappresentati del Ministero dei Beni e Attività Culturali su le “Linee Guida […]